Consulenza informatica

Stai cercando soluzioni informatiche adatte al tuo business, ma non riesci ad orientarti rapidamente tra le moltissime soluzioni offerte dal mercato. La recente crescita esponenziale dell'offerta tecnologica ti disorienta? affidati ad una persona esperta che ha fatto di questo settore la sua ragione e scopo professionale animato da sano entusiasmo e passione.
Consultami gratis! »
tecnologia per tutti semplicemente

Web Design

La realizzazione di un sito web passa per diverse fasi. Si parte dalla pianificazione e la progettazione per terminare con il lancio e le relative soluzioni di marketing (SEO–SEM) da adottare. Centrale è il momento del web design nel quale si concentrano estro, creatività e originalità. Il tuo obiettivo è quello di massimizzare l'investimento senza dover affrontare i costi di un'agenzia pubblicitaria. Visualizza il Portfolio »
web design cross-platform on every screen

Portali E-commerce

I migliori portali di e-commerce sono caratterizzati da facilità dì utilizzo da parte degli utenti e semplicità di gestione da parte dei gestori. Offro soluzioni e-commerce business to business (b2b), business to consumer (b2c). Punti vendita online aperti 24 ore su 24 7 giorni su 7. L'adozione dei principali software distribuiti sotto licenza open-source consentono il rispetto delle articolate regolamentazioni in ambito fiscale, commerciale, logistico e di privacy. Approfondisci »
soluzioni e commerce a portata di tutti grazie ad una formula innovativa, sicura ed economica

E-Commerce: l'evoluzione*

L'e-commerce in Italia gode di buona salute: nel corso del 2010 il settore degli acquisti online è ritornato a crescere a seguito della frenata fatta registrare nel 2009, proseguendo il trend positivo anche nel 2011.

Nel 2010 l'Internet economy italiana valeva 31,6 miliardi di euro. Oggi in Italia in un ora si effettuano 5,5 milioni di ricerche e più di 1.200 acquisti online. Internet però si rivela anche un ottimo catalizzatore dell'economia: il valore delle merci ricercate online e poi acquistate nel mondo reale ha raggiunto i 17 miliardi di Euro nel 2010

Quasi tutti coloro che sono abituali navigatori della rete fanno acquisti sui siti di e-commerce. La percentuale di italiani che fa acquisti online aumenta sempre di più, così come è in crescita la frequenza degli acquisti effettuati.
Da una recente indagine, l'"E-Commerce Consumer Behaviour Report 2011", condotta da Netcomm - Consorzio del Commercio Elettronico Italiano e Contactlab, sono circa 9 milioni gli italiani che hanno effettuato almeno un acquisto su internet. In pratica, 1 consumatore su 4 che spende in media 207 euro l'anno per fare acquisti online.
Sono i viaggi ed i prodotti per il benessere ad attirare maggiormente gli acquirenti.


Il momento preferito per sfruttare il commercio elettronico sono le ore notturne, come viene fuori dai dati del sondaggio effettuato su un campione composto da 62.000 utenti. Le città italiane dove si compra più online sono Milano, Roma e Torino e tra queste Milano ha una forte connotazione femminile: nel capoluogo lombardo le donne frequentano più degli uomini i siti di e-commerce. Sui metodi di pagamento, oltre la metà degli acquirenti (53%) preferisce affidarsi alla propria carta di credito o prepagata, mentre il 12% sceglie PayPal e solo il 3% ha indicato il contrassegno come metodo di pagamento preferito. Clicca qui per maggiori dettagli.

 

Uno studio interno di eBay.it, il primo sito di e-commerce in Italia, ha tirato qualche conclusione interessante sul comportamento d'acquisto sul web degli italiani. I dati dell'indagine rivelano che negli ultimi quattro anni l'area che ha subito un maggiore incremento degli acquisti è quella di Bellezza e Salute, cresciuta di circa l'80% a conferma di quanto detto più sopra.

A dimostrazione che, nonostante la crisi, gli italiani non rinunciano a mantenere un sano aspetto fisico, ad essere più belli e in forma, parlano anche i dati relativi alle sottocategorie della categoria Bellezza e Salute di eBay.it. Alcune di esse sono cresciute di oltre il 100% come ad esempio quella dedicata all'Erboristeria (+123%), alla Ricostruzione delle Unghie (+116%) e alla Cura dei capelli (+104%).

Entrambi gli studi mettono in luce il fatto che la pratica dell'e-commerce non è diffusa solamente tra i giovani utenti o tra i cosiddetti "nativi digitali", ma anche tra le fasce più mature della popolazione: il 57% del campione interpellato dal sondaggio ha tra i 30 ed i 59 anni, ed il 29% si colloca tra i 50 ed i 79 anni.

Tra i principali fattori a spingere l'utente ad effettuare acquisti online vi sono la possibilità di fare shopping in qualsiasi ora del giorno, il vantaggio economico ed il risparmio di tempo: a tal proposito è interessante osservare come il 26% del campione effettua acquisti dall'ufficio. Con un'utenza così variegata e destinata a crescere inesorabilmente nei prossimi anni, l'e-commerce rappresenta una golosa opportunità per fare business: la possibilità di impiegare canali di vendita online permette infatti di poter raggiungere, anche per le realtà più piccole, un bacino di pubblico che altrimenti sarebbe impossibile da arrivare a toccare in maniera tradizionale.

Le Piccole e Medie Imprese (PMI) che usano Internet attivamente crescono più in fretta, raggiungono una clientela più internazionale, assumono più persone e sono più produttive rispetto alle aziende non attive sul Web.

Ci sono significative opportunità di crescita per le piccole e medie imprese che sapranno spostarsi online e creare offerta, utilizzando gli strumenti offerti dal Web per sviluppare il proprio business e avere un respiro internazionale: un processo in cui tutti gli attori sono chiamati a svolgere una parte attiva.

Il 2010 è stato l'anno della svolta per l'Internet economy italiana, con una forte accelerazione nei consumi evidenziata, come abbiamo visto, da molteplici aspetti: Crescita del 16% degli utenti online, aumento del 15% dell'advertising online, crescita del 14% dell'e-commerce di prodotti e servizi.17, aumento dell'11% dei domini registrati.

Le proiezioni per il prossimo futuro non solo confermano questo trend positivo, ma sottintendono un'evoluzione ancora più marcata.
Desidero infine mettere in evidenza una nuova pratica che in Italia si sta diffondendo da qualche anno come nuovo modello di vendita, già diffuso e ben collaudato sul mercato Statunitense, che prende il nome di "dropshipment". Il meccanismo è piuttosto semplice: il venditore offre al pubblico un bene senza possederlo materialmente nel proprio magazzino in quanto una volta effettuata la vendita sarà il venditore stesso ad inviare l'ordine al proprio fornitore il quale si occuperà di espletare tutte le operazioni logistiche di consegna direttamente al cliente finale. Com'è facilmente intuibile un servizio di dropshipment consente di ridurre notevolmente la complessità di gestione di una attività di e-commerce, permettendo anche alle piccole realtà o a piccoli imprenditori di avviare una attività di commercio online riducendo drasticamente gli investimenti iniziali che potrebbero essere difficilmente sostenibili sopratutto per quanto riguarda gli aspetti legati alla logistica che generalmente un retailer tradizionale potrebbe non essere preparato ad affrontare.

 

RICHIEDIMI MAGGIORI INFORMAZIONI